Voglio adottare un adulto. Avrà problemi ad ambientarsi?

Il Maine Coon ben socializzato e ben curato nel corso degli anni, è un gatto estremamente socievole, si fida dell’uomo e va alla ricerca costante della sua compagnia pur senza eccedere in invadenza. Per un gatto così, cambiare famiglia non rappresenta un grande trauma, a patto che quella nuova sia attenta nei suoi confronti, non gli stravolga le abitudini, si prenda cura di lui e, soprattutto, gli dedichi qualche minuto ogni giorno per farlo giocare e divertire.
Quindi, se doveste decidere di prendere in adozione un adulto presso un allevamento, non dimenticate di farvi specificare dall’allevatore:

  • quali sono le sue abitudini alimentari, sia in termini di orari che di preferenze culinarie e cercate di mantenerle per almeno il primo mese di convivenza con voi
  • se il micio soffre di particolari intolleranze o allergie di carattere alimentare e non;
  • se è soggetto a dermatiti, gengiviti o altri disturbi cronici e, in questo caso, fatevi appuntare precisamente le terapie seguite e gli eventuali rimedi
  • quali sono i giochi che preferisce fare o i giocattoli con cui preferisce intrattenersi
  • quale tipo di lettiera è abituato a usare
  • quale tipo di cassetta è abituato a usare
  • dove preferisce riposare

Per almeno il primo mese o due insieme a voi, cercate di non modificare nessuna delle sue abitudini precedenti: questo gli darà sicurezza e lo aiuterà ad inserirsi più velocemente e, nel contempo, più gradualmente nella sua nuova famiglia.

Una raccomandazione che viene dal cuore: se il gatto proviene da un allevamento in cui aveva libero accesso ad un giardino o in cui viveva prevalentemente in giardino e voi, invece, disponete solo di un appartamento in città... rinunciate all’adozione, anche se l’incauto allevatore vi assicura che il gatto si adatterà benissimo. Persino i cuccioli devono fare un grande sforzo di adattamento alla vita d’appartamento, non lo si può davvero pretendere da un adulto che sa bene cosa siano gli alberi, il vento, il profumo d’erba, l’odore della pioggia. Fareste di un ex-riproduttore d’allevamento, un gatto deprivato e frustrato.
Nel caso in cui disponiate di un appartamento senza accesso all’esterno, fate una scelta di coscienza e rivolgetevi, magari, ad un allevamento che non dispone di spazi aperti.

Infine, non dimenticate mai che avete accolto in casa un gatto già adulto, un soggetto con una personalità stabile, ben formata ed una storia alle spalle: sappiate rispettarlo, vogliate ascoltarlo e concedetevi il tempo di scoprirlo pian piano, giorno per giorno, in tutte le sue sfaccettature: sarà un viaggio indimenticabile e meraviglioso da percorrere a 6 zampe.