La cura del Maine Coon

Il Maine Coon è un gatto estremamente poco impegnativo, sebbene la mole e il lungo pelo lascerebbero pensare ad ore e ore di spazzolate. Questi sono i (pochi) utili suggerimenti per fare del vostro micione un gatto bello e curato.

Vita in casa o all’aperto?

E’ superfluo specificare che una casa dotata di giardino è l’ambiente ideale per la serenità di un gatto e ancor più per un Maine Coon che ha così la possibiltà di tenere in forma la sua muscolatura esplosiva. Tuttavia, se decidete di dargli libero accesso al giardino, assicuratevi che questo sia ben recintato. Per la sua incolumità, e’ importante che il gatto non raggiunga strade trafficate e non faccia brutti incontri (ad esempio, il cane dei vicini o dei passanti male intenzionati). Assicuratevi, inoltre, che nel giardino non possano accedere gatti estranei i quali potrebbero essere portatori di gravi e letali malattie che il vostro micio potrebbe contrarre in qualunque momento (tramite un accoppiamento, un graffio, un morso o semplicemente entrando in contatto con le feci del gatto malato).

Spock, 5 mesi // 5 months

Onde fosse necessario, il Maine Coon è un gatto che si adatta anche alla vita in appartamento anche se, diciamolo, non si tratta di una razza propriamente “da salotto”. In questo caso, dovrete sforzarvi di rendere la vostra casa quanto più possibile “a misura di gatto”: sistemate, ad esempio, un albero per gatti nella stanza più frequentata della casa, in modo che ci si possa arrampicare, saltare, giocare e tenere in movimento scheletro e muscolatura.
Evitate di farlo passeggiare su davanzali di finestre e balconi senza protezione. I gatti cadono raramente ma pu? succedere e, a qualunque altezza essi si trovino, non è detto che restino incolumi nè, purtroppo, che restino vivi.

Giochi e utensili per il micio

Kleo & Games

Il Maine Coon è un gatto estremamente vivace e giocherellone e qualunque cosa si muova e/o faccia rumore è fonte di curiosità ed eccitazione. In commercio esistono tantissimi giochini per attrarre e divertire il micio ma posso assicuravi che, senza farvi spendere denaro, un Maine Coon è in grado di giocare per ore e con gusto anche solo con una pallina di carta stagnola!

Indispensabili ad ogni gatto sono i tiragraffi! Oltre che piccole grandi palestre, essi rappresentano anche un’ottima alternativa a sedie e poltrone per un micio che voglia affilarsi le unghie.

Dove farlo dormire?

Non dimentichiamo che il Maine Coon è un gatto e come tale sarà sempre e solo lui a scegliere il posto più comodo dove appisolarsi. Inoltre, essendo un gatto bizzarro ed originale, aspettatevi scelte degne di lui: molti dei miei Maine Coon scelgono rigide mensole per passare la notte, le postazioni più elevate del tiragraffi o addirittura, durante le afose notti estive, il nudo pavimento, malgrado le diverse cuccette e brandine a loro costante disposizione!

Attenti alle piante in casa!

Ce ne sono alcune che per i gatti sono tossiche se non addirittura letali! Ecco una lista delle piante assolutamente da evitare, di quelle compatibili con la presenza di un felino e di quelle a cui fare un minimo di attenzione.

Alimentazione

Morgan

Spesso si è portati a pensare che, date le dimensioni, un Maine Coon mangi chissà cosa e quanto!
In realtà l’alimentazione del Maine Coon è uguale a quella di un qualunque altro micio: potete scegliere alimenti di tipo industriale puntando su prodotti di alta qualità (niente marche da supermercato, quindi!) o potete optare per un’alimentazione “casalinga” tenendo presente che i gatti (tutti i gatti!) non vanno MAI alimentati con gli “scarti” della tavola, che sono principalmente dei carnivori (ma non disdegnano il pesce, ogni tanto) e che per fornirgli tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno dovrete probabilmente integrare la dieta con vitamine e sali minerali. Ad un gatto così “rustico” non dovrebbe mai mancare la carne cruda ma dategliela solo se siete assolutamente sicuri della sua provenienza!

La cura del mantello

Spock, 10 mesi // 10 months

Se il vostro micio vive esclusivamente in casa, il mantello richiede una bella spazzolata almeno una volta a settimana (soprattutto sulla pancia!) per mantenerlo setoso, liscio e senza nodi. Durante la muta (che si verifica nell’arco di 7-10 giorni in primavera ed autunno) sarebbe comunque buona norma spazzolare il mantello anche tutti i giorni per evitare che il micio, leccandosi, ingerisca una eccessiva quantità di pelo, la quale gli causerebbe a breve episodi di vomito o, nei casi peggiori, dei blocchi intestinali.
Se il micio avrà la possibilità di uscire in giardino, invece, dovrete prestargli un po’ più di attenzione, soprattutto nei mesi invernali in cui, il fitto sottopelo e la lunghezza del mantello, facilitano la formazione di fastidiosi nodi.
A Morgan’s Place saremo in grado di fornirvi un elenco dei migliori strumenti e delle migliori marche da utilizzare.

Antiparassitari contro pulci e zecche

Sia che il micio abbia accesso ad un giardino, sia che non ce l’abbia, è sempre bene per la sua igiene e per la vostra, somministrargli periodicamente un antiparassitario per prevenire pulci e zecche. In genere, gli antiparassitari si presentano come soluzioni liquide da applicare sulla cute, tra le scapole una volta al mese (se il gatto vive all’aperto) o anche una volta ogni due-tre mesi (se il gatto vive in appartamento). La somministrazione è facile ed assolutamente indolore.
A Morgan’s Place saremo in grado di fornirvi tutte le indicazioni riguardo questi prodotti farmaceutici e alla loro applicazione.

Le vaccinazioni

La vaccinazione è uno degli atti di responsabilità più importanti che un proprietario deve al priprio micio. Di tutti i vaccini disponibili, alcuni sono necessari (come il così detto trivalente che protegge il gatto da malattie respiratorie), altri sono fortemente consigliati (come l’antirabbica) e altri consigliati in determinate situazioni (ad esempio, il vaccino contro FIV\FELV nel caso di gatti liberi di scorazzare nel circondario).
Un esame attento delle condizioni di vita del vostro micio fatta insieme ad un veterinario vi aiuterà a stabilire il miglior ciclo vaccinale: l’importante è ricordare che i gatti vaccinati devono essere periodicamente sottoposti a richiamo per mantenere l’immunità.

Il bagnetto periodico

Il bagnetto di Kleo / Cleaning Kleo

Una volta qualcuno scrisse:

Per fare il bagno ad un gatto sono necessari una buona dose di coraggio, di pazienza e un gatto. L’ultimo ingrediente è di solito il più difficile da reperire.

Fortunatamente, il Maine Coon è un gatto generalmente attratto dall’acqua. Non sono rari i casi di micioni che sguazzino entusiasti nella vasca del loro padrone o, peggio, nella piscina di plastica dei bambini!
La cosa importante è abituare il proprio micio sin da cucciolo al contatto con l’acqua e procedere, ogni volta, con estrema gradualità, rassicurandolo con voce pacata e tranquilla ma ferma. Mai bagnare la testa nè le orecchie, usate solo shampoo appositamente formulati e asciugatelo sempre con dell’aria calda per evitare che, andando in giro umido, si raffreddi.
La frequenza del bagnetto può variare a seconda che il gatto viva esclusivamente in casa o abbia anche accesso ad un giardino e/o dal fatto che il micio frequenti le esposizioni.

Il taglio delle unghie

Più che di un taglio si tratta di una “spuntatina” alla parte più acuminata dell’unghia. Il gatto non avverte alcun fastidio, a patto di farlo correttamente e con l’apposito tagliaunghie reperibile in un qualunque negozio di articoli per animali. Di contro, si eviterà che durante il gioco possa accidentalmente ferire voi, altri gatti o cani con cui convive.