Cosa penso di lei [Yasmeen]

La mia Yaya è una pelosona di Maine Coon che sono andata a prendermi sola soletta nella lontana Amburgo.

Yasmeen, 12 settimane // 12 weeks

Dopo essere salita nella macchina dell’allevatrice che era venuta a prendermi in stazione, le ho chiesto della micia e mi ha detto “Oh! She is soooo sweet! And she is very big!“ (traduco: è così dolce! ed è molto grande!). Ok, ho pensato io, cuore di mamma, tutte le allevatrici dicono che le loro bimbe sono dolci e sono grosse (parlando di Maine…).
Quando però l’ho vista… ODDIO UN BUFALETTO! Era tutta una palla di pelo (aveva già 4 mesi), tracagnotta, sembrava un maschio di qualche mese più grande in mezzo alle sorelle. Ho pensato: non è possibile!

Poi io e l’allevatrice ci siamo sedute a terra, abbiamo iniziato a chiaccherare di allevamento, di linee, soliti discorsi da allevatori quando ad un certo punto mi sono sentita qualcosa sotto la maglia…. piego la testa e….. la mandrillona si era ficcata sotto la mia maglietta a cercare non so cosa sotto il mio seno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ho capito che l’avrei amata follemente in quel momento.

Da lì, siamo state ad Amburgo sole solette per altri due giorni, finchè non ho preso l’aereo del ritorno.

Ha autenticamente il carattere da Maine Coon: dolce, affettuosa, adora stare all’aria aperta, il balcone è la sua seconda casa, mangia TUTTO, mangia TANTO, e se mi siedo al computer salta sulle gambe e (come ora) si acciambella alzando il collo, per la serie “me li fai i grattini”?


Bella-bella. Il suo mantello ricorda quelle foglie d’autunno che si staccano dai rami e restano sui sentieri boschivi, rossiccie, ramate, con qua e là qualche sprazzo di nero. Porta le scarpe: mocassini bianchi sulle zampe anteriori, stivaletti bianchi su quelle posteriori e va sempre in giro con un bavaglino bianco

Spero tanto che diventi anche una buona madre perchè in quel caso i cuccioli avranno tutte le carte in regola per essere gatti dal carattere stupendo come il suo.

(26/10/2006)

... e poi ancora

Leggi anche Cosa penso di lei… II parte