Cosa penso di lei.... II parte [Yasmeen]

Ad un anno di distanza, mi trovo “costretta” a scrivere la seconda parte di questo “Cosa penso di lei”, riferito a Yasmeen.
La mia DIVA, la mia pupa, è diventata una signorina, ormai e io posso, finalmente, farmi un quadro chiaro di quella che è la sua enorme, sorprendente personalità.
Io amo questa gatta ma, ancor di più... io la ammiro! Se il cielo crollasse, ne sono sicura, lei troverebbe il modo di restare in piedi. È una gatta estremamente in gamba, nel senso più pratico del termine. Non c’è nulla che la spaventi veramente e se anche ci fosse qualcosa in grado davvero di metterla in allerta, lei ha una strategia precisa: per ora vo’ via, ci penso, poi torno, mi impettisco e t’affronto! Se non mi dai noia, alleluja, il mondo l’è grande abbastanza per entrambi!

Yasmeen, 13 mesi // 13 months

La sua forza di carattere è sorprendente, felina fino al punto da passare tutto il giorno tra gli arbusti in giardino, se può, rientrando appena per mangiare ma dolce abbastanza da venirmi a cercare sul letto per “fare il pane” ogni sera, prima di addormentarsi acciambellata sotto il mio braccio.
A volte penso che se fosse una donna, farebbe un lavoro duro, pratico, impegnativo, sarebbe un chirurgo o una speleologa e sarebbe una di quelle ragazze autonome, emancipate, con nessun pelo sulla lingua ma tanta tenacia e tanta intraprendenza, con un lato dolce e materno che si rivela solo tra le mura domestiche. È rigorosa, affidabile, smaliziata, solida, indipendente e risoluta.
È una creatura favolosa, forza e dolcezza in un mix di fierezza e bellezza. Io la chiamo DIVA per quel suo fare la fatalona, consapevole della sua avvenenza che “porta in giro come un trofeo”... la prendo un po’ in giro ma in realtà è divina davvero!

(26/10/2007)